5 MUSEI DELLA MODA DA VEDERE ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA

La cultura materiale e gli oggetti che scegliamo di acquistare e indossare, hanno sempre avuto un posto fondamentale nel termometro della società. La funzione mutevole di una borsa, l’altezza e la forma di un tacco, la forma della spalla di una giacca sono tutti a loro modo guide per il volto mutevole della società che va veloce e noi con lei.
Musei o meglio (per me) archivi che racchiudono le storie di coloro che, fino ad oggi, hanno creato la moda sono luoghi da visitare per capire come nasce una tendenza, un modello iconico, un oggetto feticcio che diventa un “must have”.

Allo stilista Yves Saint Laurent, sono dedicati due luoghi espositivi, rispettivamente Parigi e Marrakech.

Vi porto con me alla scoperta e magari per alcuni di voi, la riscoperta dei musei più à la mode dedicati ai singoli stilisti di tutto il mondo, dalla casa d’infanzia di Christian Dior ai singolari musei commerciali di Rei Kawakubo.

museo YVES SAINT LAURENT Marrakech
1. Museé Yves Saint Laurent, Marrakech, Marocco 

Il Museé Yves Saint Laurent a Marrakech, situato in Rue Yves Saint Laurent e adiacente al famoso Jardin Majorelle, è molto più di un semplice museo. Non solo si basa sulla strada su cui Saint Laurent ha disegnato la maggior parte delle sue collezioni, lontano dal furore di Parigi, ma comprende anche l’ormai famoso giardino in cui sono sparse le sue ceneri. È un luogo capace di ospitare 800.000 persone all’anno.
La casa comprende un sito esteso di oltre 4.000 metri quadrati, progettato dallo studio di architettura francese Studio KO e costruito con materiali come terracotta, pietra marocchina e marmo. Gemellato con un altro museo con sede a Parigi situato nel vecchio studio di Saint Laurent, i siti combinati ospitano oltre 20.000 capi e accessori di alta moda raccolti dalla fondazione della casa nel 1961. Il nuovo sito marocchino è inoltre completo di un proprio auditorium, biblioteca di ricerca e caffetteria. 5 musei della moda

museo salvatore ferragamo
2. Museo Ferragamo, Firenze, Italia

Il Museo Ferragamo risiede in un palazzo del XIV secolo situato nel cuore delle colline toscane italiane. Dopo una mostra particolarmente riuscita su Salvatore Ferragamo e sui suoi innovativi modelli di scarpe, nel 1995 la famiglia Ferragamo decide di fondare un museo in onore del proprio patriarca. Poco dopo viene inaugurato il Palazzo fiorentino “Spini Ferroni“, sede dell’azienda dal 1938 al pubblico, ospitando un imponente archivio dei progetti Ferragamo. Dopotutto, questo designer, che ha inventato sia la zeppa che il tacco a gabbia, è stato chiamato “calzolaio delle stelle” per una ragione; il museo ospita una vasta collezione di tacchi e décolleté su misura per i piedi di attrici come Sophia Loren, Judy Garland, Marilyn Monroe e Audrey Hepburn.

Adesso è visitabile anche con il Ferragamo virtual tour 

museo christian dior francia
3. Musée Christian Dior, Granville, Francia

“Si trovava su una scogliera e si è trovata esposta al tumulto atmosferico, proprio come sarebbe stata la mia vita, che non è stata calma.” – Christian Dior.

La casa d’infanzia di Dior, arroccata alla periferia di Granville in Francia, ospita oggi una straordinaria collezione permanente delle opere del designer. Con le scultoree cornici delle finestre rosse e la vernice rosa polverosa, è facile vedere come la villa in Normandia e la sua combinazione di colori sarebbero rimaste potenti nell’immaginazione di Dior. Il museo dispone anche di un roseto, insieme a letti affollati di biancospino, caprifoglio e mughetto che Dior piantò lui stesso con sua madre, e che si trovava spesso anche all’occhiello e persino nascosto negli orli dei suoi vestiti. 5 musei della moda

4. Museo Cristóbal Balenciaga, Gipuzkoa, Spagna

Definito come il “Picasso della moda” e da Hubert de Givenchy come “l’architetto dell’alta moda”,  Cristóbal Balenciaga, nato e cresciuto nei Paesi Baschi, è uno dei designer più innovativi del XX secolo, ha un intero museo dedicato al suo lavoro. Il ​​Palacio Aldamar, eclettica villa di quattro piani aperta nel 2011 contemporaneamente al museo, era in origine la residenza estiva del marchese e della marchesa, che impiegavano la madre di Balenciaga come sarta.
L’edificio ora presenta un’elegante estensione in acciaio e vetro per contenere la sua crescente collezione di iconici abiti a sacco, giacche a palloncino e cappotti a tunica progettati nel corso della carriera del designer. Il contrasto tra i mattoni rossi originali e i disegni decorativi blu della villa storica sembra appropriato per un designer che non ha mai smesso di guardare al futuro.

GUCCI GARDEN FIRENZE MUSEO

5. Gucci Garden Galleria, Firenze

Il Museo Gucci di Firenze racconta la storia di pelletteria molto amato in Italia e nel mondo. Il museo è ospitato in un edificio del XIV secolo in Piazza della Signoria, nel cuore di Firenze. La sua collezione permanente è composta da pezzi Gucci di tutte le epoche e di tutti i tipi, da borse, borsette, abiti e sciarpe, a gioielli, oggetti preziosi e persino attrezzature sportive.
Gucci è stata fondata nel 1921 a Firenze da Guccio Gucci, che aveva lavorato negli hotel di Parigi e Londra ed era rimasto impressionato dai lussuosi bagagli degli ospiti. Tornato a Firenze, Gucci e tre dei suoi figli aprono il loro laboratorio, che presto porta all’apertura dei primi negozi Gucci a Milano e Roma. L’inizio di un impero globale della moda e degli accessori.
Oltre alla collezione permanente, il museo dispone di uno spazio dedicato alle mostre d’arte contemporanea di rinomati artisti internazionali.

 Comme des Garçons Trading Museum, Tokyo

6. Museo commerciale Comme des Garçons, Tokyo

È stata la singolare visione di Rei Kawakubo per uno spazio dedicato all’arte del “solo guardare”, dando vita al  ‘museo’ con sede a Tokyo. Il cuore dell’elegante viale Omotesando della città ospita ora un’esclusiva selezione modificata dei suoi pezzi Comme des Garçons. Un’incredibile collezione di manufatti del passato del designer. La disposizione minimalista delle vetrinette decorate. La musicista Björk una volta dichiarò “sacri” i negozi di Kawakubo.


Leggi le attività di woman empowering della Maison Dior 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Please answer to question to prove that you\'re not a bot * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.