Moulin Rouge weekend a Parigi sulle orme di Toulouse Lautrec

  • Non dimenticherò mai il mio quarantesimo compleanno. Il tempo scorre a prescindere e gli anni passano indipendentemente dal fatto che a noi piaccia o meno. Detto questo, ho deciso che dopo i 40, i compleanni non vanno più festeggiati, bensì celebrati.

Festeggiare il compleanno a Parigi

Parigi è da vedere almeno una volta. Per me questa è stata la seconda volta e se dovesse ripresentarsi l’occasione, salterò sul primo aereo e ci ritornerò volentieri, perché di una cosa sono certa, un weekend non basta. A Parigi c’è davvero tanto da vedere perché è magica.

Volevo un weekend memorabile sulle orme del pittore francese Henri de Toulouse Lautrec e credo di esserci riuscita

Ecco perché ho messo insieme una guida turistica di Parigi glam, all’insegna dell’arte e della bella vita. Se siete qui è perché state cercando qualcosa di diverso. Quindi di seguito alcune cose che DOVETE ASSOLUTAMENTE fare una volta lì.

Moulin Rouge uno spettacolo nello spettacolo

Moulin Rouge weekend a Parigi sulle orme di Toulouse Lautrec

Moulin Rouge weekend a Parigi sulle orme di Toulouse Lautrec

Moulin Rouge weekend a Parigi sulle orme di Toulouse Lautrec

Parigi è una sensazione. Non puoi essere lì e non sentirne l’energia, la storia, la vitalità. Contrariamente a quanti la ritengono solo “romantica” io vi dico che Parigi, non è solo quello. È arte, cultura, avanguardia, divertimento, moda. Parigi mi ha trascinata nei suoi incantesimi magici. Penso che sia adatta a quasi tutti i tipi di viaggiatori. Sia che voi vogliate rilassarvi, esplorare, imparare, festeggiare … è tutto lì, che vi aspetta.

Guida alla Parigi di Toulouse Lautrec

COME ARRIVARE A PARIGI

Parigi è molto gettonata durante tutto l’anno perché risulta essere spesso tra le tratte aeree più convenienti. Ha due aeroporti: Orly e Charles de Gaulle, entrambi fuori città, ma quest’ultimo più pratico e ben collegato con mezzi pubblici come il treno RER che ferma nelle maggiori stazioni come: Gare de l’Est, Gare du Nord o Gare de Lyon.

COME SPOSTARSI A PARIGI

Consiglio vivamente di prendere la metropolitana di Parigi. Sicuramente più economico dei taxi, ma bisogna tenere in considerazione la mancanza di scale mobili e ascensori!  Ci sono 16 linee ed è facile. Vi consiglio di acquistare un pass per il numero di giorni in cui sarete lì.

QUAL’È IL PERIODO MIGLIORE PER VISITARE PARIGI

Come dicevo poc’anzi, davvero non credo esista un periodo migliore rispetto ad un’altro per visitare Parigi. Ogni stagione ha la sua magia! Se soffrite tanto il freddo, eviterei febbraio, ma se siete intenzionati a vederla in una delle sue vesti migliori, anche se farà freddo, gli Champs – Elysee a Natale sono imperdibili!

Se il vostro obiettivo sono luoghi come: Monet’s Gardens e Versailles, allora la primavera è il momento adatto, saranno ricchi di fiori ovunque.

QUANTO COSTA UN WEEKEND COSÌ

I costi sono davvero personali, poteste fare le mie stesse cose, ma soggiornare in un hotel ( o anche lo stesso ad un prezzo più vantaggioso) e  mangiare in posti diversi e i costi cambierebbero.

I BIGLIETTI DEL MOULIN ROUGE

 

Era il mio desiderio. Quello di trascorrere una serata indimenticabile in uno dei cabaret più famosi al mondo e assisti al celebre spettacolo del Moulin Rouge “Féerie”, creato da Doris Haug e Ruggero Angeletti, con le coreografie di Bill Goodson.

È innegabilmente spettacolare! sono del parere che ognuno dovrebbe vederlo almeno una volta nella vita.

Le Doris Girls

Vi ritroverete davanti ad un cast di 100 artisti, incluse 60 Doris Girls, che sfilano indossando costumi di piume, strass e lustrini e perle. Ideati da Corrado Collabucci e cuciti a mano in alcuni dei laboratori più noti di Parigi, i costumi sono valorizzati dalle sontuose decorazioni create da Gaetano Castelli e dal ritorno dell’acquario gigante, si c’è anche un acquario gigante!

Gli artisti hanno danzato sulle musiche di Pierre Porte, eseguite da 80 musicisti e 60 coristi.

Per rendere la serata ancora più magica, potrai scegliere tra diverse opzioni per la cena e optare per uno dei menù creati secondo la tradizionale gastronomia francese. La cena avrà luogo in una splendida sala in stile Belle Epoque con 850 posti a sedere.

I MENU del Moulin Rouge 

Mistinguett

• Terrine Grenobloise di razza, capperi e condimento al limone oppure Girello di manzo affumicato su un letto di lenticchie verdi, lattuga ed erba cipollina
• Filetto di orata arrosto con finocchio e coriandolo ed emulsione di anice stellato oppure Petto di pollo, fricassea di verdure di stagione, puré di patate, jus di pollo
• Torta brownie, cioccolato al latte e panna montata oppure Tatin di mele e banane, crema di vaniglia al bourbon

Toulouse-Lautrec 

• Cocotte di pollo, barbabietole sottaceto oppure Salmone marinato, toast di pane di segale, panna montata al limone oppure Riduzione di avocado, gamberi, pomelo, frollini al parmigiano, maionese Yuzu
• Pesce al forno, zucca a dadini, castagne, carciofi cinesi, emulsione di lardo oppure Medaglioni di vitello fritti panati, lenticchie verdi Du Puy con foie gras ed erba cipollina, jus semplice
• Tarte di nocciole e 70% di cioccolato Guanaja, panna montata alla vaniglia e bourbon oppure Pan di spagna alle noci ricoperto di pera al vino e calisson cremosa

Belle Epoque 

• Mise en bouche
• Carpaccio di capesante, mela Granny Smith, foglie di cavoletti di Bruxelles, caviale Baeri, o Salmone affumicato, uova di salmone, Tamara con caviale, blini al grano saraceno oppure Foie gras fritto panato, brodo di stufato, verdure di stagione con tartufo nero
• Medaglione di rana pescatrice con chorizo iberico, brodo di aglio con olio d’oliva oppure Filetto di manzo, salsa Périgord, patata ripiena di foie gras, pastinaca e tuberi invernali
• Mont Blanc del XXI secolo oppure Torta sottile di nocciole e cioccolato al latte, ricoperta con crema leggera al frutto della passione

con pesce/vegetariano:

 Granchio con insalata di carciofi, crescione e nocciole
• Merluzzo nero al forno, zucca a dadini, castagne, carciofo cinese oppure Risotto al limone con foglie dorate
• Tapioca di cocco, emulsione esotica, minestrone di frutta, sorbetto del giorno

vegano:

• Porri con condimento al tartufo e Chanterelle nera oppure Insalata di carciofi, crescione e nocciole
•Insalata mista di stagione servita calda oppure Risotto al limone con foglie dorate
• Minestrone di frutta esotica, sorbetto del giorno

Menù bambini (da 6 a 11 anni)

e si, possono entrare anche i bambini (ma io lo sconsiglio vivamente)

• Bastoncini di cetriolo con formaggio crermoso ed erba cipollina
• Petto di pollo arrosto, patate grenaille arrosto con timo, jus semplice
• Crème Brûlée con cialda alle mandorle

 Natale:

• Antipasti natalizi
•Foie Gras semicotto della fattoria di Saint Orens, chutney di mela cotogna e caffè, pera al vino rosso, spezie natalizie oppure Sashimi di salmone marinato al mandarino
•Filetto di John Dory Grenobloise cotto al forno lentamente, verdure miste di stagione, Petto di pollo delle Landes con tartufo nero, patate fondenti con lattuga brasata, scolzonera di Spagna, salsa Perigourdine
• Tronchetto di Natale
•Mezza bottiglia di champagne Laurent-Perrier e un piccolo souvenir del Moulin Rouge per ogni coppia

Capodanno:

• Selezione di canapé
• Ceviche di spigola, crema di ricci di mare con caviale imperiale da Sologne, acetosella selvatica
• Pastinaca della Baia di Erquy arrostita con burro semi-saltato da Bordier
Risotto di patate Pompadour con tartufi
• Sorbetto al limone con vodka
• Lombata di vitella arrosto con burro alle nocciole, medaglione di aragosta di Bretagna, verdure locali con tartufo
• Delizia di agrumi, tè nero, champagne e mousse al Grand Marnier
•Caffè e dolcetti

Tutte le opzioni (spettacolo con cena o senza cena) comprendono mezza bottiglia di champagne a persona. Puoi sostituire lo champagne con 2 bibite analcoliche a scelta.

 

DOVE ALLOGGIARE

LUXURY HOTEL A PARIGI

L’Hotel Peninsula Paris è sicuramente un’ottima scelta. Ho trascorso lì la notte del mio compleanno, merita davvero! È uno spettacolo ed è

L’Hotel Plaza Athénée

Una delle mie frasi preferite dette da un parigino che ho incontrato durante questo viaggio è stata: “Non puoi davvero sbagliare a Parigi”. Significa che tutte le bevande e i cibi saranno buone. È un paese noto per la sua cucina, quindi non puoi sbagliare!

DOVE MANGIARE A PARIGI

Le 68 Champs-Elysées

Nel 1914,  la Maison Guerlain si trasferisce al 68, Champs-Elysées, al centro di questo nuovo viale appena inaugurato, destinato a diventare il più bello al mondo.
L’edificio, risalente anch’esso al 1914, è opera dell’architetto Charles Mewès, al quale si devono, tra gli altri, l’hotel Ritz a Parigi o il Carlton a Londra. Ora sono una cliente abituale. Questo posto è perfetto per pranzi di lavoro e anche per occasioni più personali.
Adoro entrare nel ristorante attraverso la profumeria Guerlain. Puoi riempire le tue narici con i profumi più elaborati per stimolare i tuoi sensi e quindi aprire il tuo appetito. Non aspettarti una selezione travolgente di piatti. La carta è semplice ma ampiamente sufficiente, non siamo in una brasserie qui. Siamo in un posto di cibo di alto livello. La lista dei vini è davvero una bella partita. Servizio efficiente. Amo i tavoli decorati con fiori del 68 Guerlain. Mi godo ogni momento che trascorro lì.

Poco tempo? Consiglio di prendere il Paris Pass che ti consente di accedere a musei, attrazioni e altro e ti aiuterà a saltare le linee! È un po ‘caro, ma ne vale la pena se il tuo tempo è molto limitato.

Pit-Stop gustosi a Parigi

È necessario prendere un Café au Lait e un croissant mentre si passeggia per la città, ammirando il panorama. A Parigi è bello anche perdersi.

Ma ecco alcune delle mie scelte migliori:

Angelina’s – Conosciuta per la deliziosa cioccolata calda. Mi è stato detto che è fatto con tre diversi cioccolato dall’Africa.

Ladurée – Se siete fan dei macarons non potete non entrare!

Cafe Kitsuné – Probabilmente uno dei caffè più instagrammabili di Parigi. Il caffè è gustoso e carino.

Comptoir de La Gastronomie – uno dei migliori pasti che abbia mai fatto. Il Foie Gras Ravioli era fuori dal mondo.

La Stube – Questo è il posto perfetto per una torta salata o uno strudel di salmone. Prova anche le loro torte, divine!

Le Grenier à Pain – hanno ottimi prodotti da forno. Hanno vinto il premio miglior pane a Parigi. Prova un “tradi” per una baguette tradizionale.

Aux Lyonnais – Qui trovi il cibo tradizionale che viene da Lione ed è delizioso.

Le Consulat – un piccolo caffè perfetto per osservare la gente e provare la tradizionale zuppa di cipolle.

Café de Flore – su una terrazza a St Germain questo è un ottimo posto per il brunch, la colazione o il pranzo.

cosa vedere a Parigi

Da qui, puoi dirigerti verso Arc De Triomphe. Un arco nel centro della strada. Da qui potrete godere di una splendida vista dell’Avenue des Champs-Élysées, una delle mie strade preferite.

Una volta lì non potevo perdermi, il Grand Palais. Per me, questa è la quintessenza di Parigi. Uno degli edifici più belli del mondo! Proprio dall’altra parte, c’è il Petit Palais.  Sono bellissimi, oltre che essere una testimonianza dell’architettura francese.. Il Grand Palais è un museo e una sala espositiva, spesse volte con eventi in corso. Il Petit Palais è un museo d’arte, merita una visita, poiché l’intero edificio è se stessa un’arte.

Da qui, ci siamo diretti verso il fiume Senna per una vista di uno dei miei ponti preferiti, il Pont Alexandre III. Questo è ancora uno dei posti migliori per osservare la gente a Parigi.

Ci sono tre musei qui vicino che penso valga la pena visitare: Musée d’Orsay, Musée de l’Orangerie e Musée de Rodin. Penso che dai tre, valgala pena visitare per primo l’Orsay. È una vecchia stazione ferroviaria e ospita alcuni dei più grandi artisti del mondo. L’arte qui è focalizzata sul periodo 1848-1940, mentre il Lourve si concentra sull’arte prima di quel periodo.

Il Louvre

Henri Toulouse Lautrec è stato un’artista molto amato a Parigi e visitare questa città, sulle sue orme è impossibile senza vedere il Louvre. Questo museo è enorme ed è uno dei migliori musei del mondo. Vi consiglio vivamente di acquistare i biglietti in anticipo. Le code sono interminabili e il tempo è prezioso se si è in vacanza! Piccola dritta: l’orario di apertura e chiusura sono i momenti migliori per entrare ed evitare la folla. Non dimenticate che il Louvre è chiuso il martedì. E preparatevi al bagno di folla davanti alla enigmatica Monnalisa di Leonardo Da Vinci….da ogni punto la guarderete, sembrerà che lei stia guardando solo voi…pazzesco!

Montmartre

questo quartiere è pieno di fascino. Tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento gli artisti si affollavano qui perché costava meno lavorare e vivere. Toulose Lautrec  inizia a frequentare l’atelier di Fernand Cormon sito nel quartiere parigino di Montmartre. Qui ha modo di conoscere vari artisti dell’epoca, tra cui si ricordano: Vincent Van Gogh, Louis Anquetin, Emile Bernard. Nel 1883 espone l’opera “Un petit accident” a Pau presso la Société des Amis des Arts, firmandola con lo pseudonimo di Mofà. L’anno seguente apre con Albert Grenier uno studio, lavorando spesso all’aperto e frequentando i locali e i cafés più celebri di Parigi (Le Moulin de La Galette, le Chat Noit, Le Mirliton). I dipinti che realizza in questo periodo ritraggono clienti ai tavoli, le ballerine, le cantanti dei locali e vengono da lui firmati con lo pseudonimo “Tréclau”.

Le Sacre Coeur: il tetto di Parigi

Una volta a Montmartre ci siamo diretti  verso la gemma di Monmarte, il Sacre Couer. da lì vi aspetta una vista mozzafiato, avrete Parigi ai vostri piedi. Le cupole bianche della basilica sono il punto più alto della città, quindi sali fino alla cima per una vista spettacolare.

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Please answer to question to prove that you\'re not a bot * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.