728 X 90

LE CASTAGNOLE DOLCI DI CARNEVALE

By Maria Teresa Calce — febbraio 17, 2015

 

Carnevale, travestimenti e tradizione resistono nel tempo, così come le ricette legate a questa festa. Le Castagnole dolci di carnevale sono dolcetti dalla forma sferica, fritti e poi ricoperti di zucchero, ma attenzione sono come gli struffoli danno dipendenza…

 
le castagnole dolci di carnevale
 
 

  
Ingredienti
farina 00
200 gr
fecola di patate
50 gr
uova medie
2
zucchero semolato
60 gr
burro morbido
30 gr
liquore Amaretto di Saronno
25 ml
lievito chimico per dolci
6 gr
limone
1 – buccia grattugiata
sale
1 pizzico
olio di Arachidi per friggere
per decorare
zucchero a velo
 
 
 
 
 le castagnole dolci di carnevale1
 
 

Prepariamo le Castagnole dolci di carnevale

1

Riunite in una ciotola tutti gli ingredienti secchi, la farina, la fecola e il lievito setacciati, lo zucchero e il pizzico di sale, mescolate e poi aggiungetevi le uova, il burro ammorbidito, la buccia del limone e il liquore Amaretto di Saronno (o un’altro a vostro piacere) mescolate bene fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, potete usare un robot o farlo a mano. Fatelo riposare per circa 30 minuti.

2

Infarinate leggermente la spianatoia, ricavate dalla pasta delle palline dal peso di 20 gr cadauna (aiutatevi con una bilancia)e date ad ognuna una forma sferica.

3

Scaldate a 180°C abbondante olio di arachidi (quest’ultimo ha un sapore neutro e un punto di fumo elevato e sopporta l’alta temperatura) in una pentola e friggete poche castagnole per volta – in modo da ottenere un bel fritto croccante. 

Troppi elementi in padella tenderebbero a far calare la temperatura dell’olio e il vostro fritto rimarrebbe unto e sgradevole.  

4

Friggete su fiamma media per circa 3 minuti o fino a quando non risultano ben dorate. Scolatele su carta assorbente per fritti e ancora calde cospargetele di zucchero a velo.

Vi abbraccio Marsia

L’olio che usate per friggere non va mai riutilizzato perché diventa tossico.

Dopo il suo completo raffreddamento raccoglietelo in bottiglie di plastica e procedete al suo smaltimento differenziandolo e portandolo presso le isole ecologiche, se non conoscete la procedura cliccate QUI o contattate il centro smaltimento rifiuti del vostro comune.

le castagnole dolci di carnevale, le castagnole dolci di carnevale, le castagnole dolci di carnevale,

le castagnole di carnevale

photo credit Godt Drikke

HEY YOU…Do you speak English? Do you

want this recipe to be translated? Leave a comment

or write me in your contacts and you will be

satisfied

 

(9) Readers Comments

  1. Cristina
    Reply →
    17/02/2015 at 8:35 PM

    Marsia che fame che mi sta venendo! bella la ricetta e bello il consiglio, in effetti non so mai come smaltirlo l'olio. grazie mille

    • Marsia
      Marsia
      Reply →
      26/02/2015 at 10:46 AM

      <3 figurati! grazie per essere passata

  2. Paola
    Reply →
    26/02/2015 at 10:41 AM

    fantastiche fotografie, bellissima la ricetta.

    • Marsia
      Marsia
      Reply →
      26/02/2015 at 10:46 AM

      Hey Paola, grazie per i complimenti! queste castagnole erano buone e belle

  3. CARLA
    Reply →
    26/02/2015 at 10:57 AM

    L'AMARETTO DI SARONNO IN VESTE VERSACE NON L'AVEVO ANCORA VISTO! FASHIONISTA LEI...TI ABBRACCIO, BELLE STE CASTAGNOLE, MA LE CHIACCHIERE? NEL SENSO...QUANDO CE LE FACCIAMO? BACI

    • Marsia
      Marsia
      Reply →
      26/02/2015 at 11:22 AM

      e io che associavo L'Amaretto di Saronno solo a uno dei liquori che regalavano i clienti al mio babbo? Adesso l'Amaretto veste Moschino e Versace...stiloso! chiacchieriamo mentre prepariamo le chiacchiere dai! ti aspetto

  4. Dany
    Reply →
    14/03/2015 at 11:13 PM

    che buone! le ho fatte....non a carnevale però, che ho preparato le chiacchiere. Adoro il tuo blog.

  5. Clelia
    Reply →
    16/03/2015 at 12:31 AM

    Adoro le castagnole e le ho sempre preparate con l'uvetta, ma non ho mai pensato ad un liquore, in effetti l'Amaretto ha il suo perchè...complimenti.

    • Marsia
      Marsia
      Reply →
      16/03/2015 at 6:22 PM

      Clelia, anch'io aggiungevo l'uvetta, ma in famiglia non la amano molto e allora via libera ad un liquore profumatissimo e in veste fashion ;-)

Leave A Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Search

IN COLLABORAZIONE CON

    My Secret Room Social

I POST DI FACEBOOK DI MSR

IL MIO TWITTER