WESTWORLD – Dove tutto è concesso

WestWorldOvvero: ma l’uomo ha solo bassi istinti ?

Dopo tutta una sfilza di Film “inspirati” da vecchi telefilm ( non si chiamavano ancora serie TV ! ) come, ad esempio, A-Team, Shaft, Charlie’s Angels e Starsky & Hutch, per questa bellissima Serie avviene il percorso inverso. Usciva infatti nel 1973 Il mondo dei robot ( WestWorld in originale per l’appunto ) il film su cui è basata questa serie del 2016, e del film prende lo stesso identico spunto del parco divertimenti popolato da androidi, del tutto ( troppo ) simili agli esseri umani, ambientato nel mitico Far-West. Un parco divertimenti per adulti ( ricchi adulti ), dove gli ospiti possono interagire a loro piacimento con i residenti, gli androidi, soddisfacendo cosi’ tutti i propri istinti. Istinti che sono per lo piu’ violenti ( estremante violenti ) e libidinosi. Tanto i residenti non si oppongono! Spesso sono anche i tecnici stessi che si occupano della manutenzione ad approfittare dei corpi dei residenti, incapaci, per programmazione, ad opporsi… Fino a che…

Ovviamente, nella miglior tradizione Asimoviana, alcuni androidi prendono coscienza di se e si ribellano al giogo umano, pensando di essere migliori di quanto i loro dominatori siano. Non voglio volutamente andare oltre nello spiegare la trama ( se no Wiki a cosa serve ? ) ma voglio soffermarmi sugli altri motivi che ai miei occhi rendono WestWorld cosi’ interessante.

Personaggi ed Interpreti

Innanzitutto gli interpreti; capeggiati da Sir Anthony Hopkins ( alias Dott. Ford ), vero e proprio Deus Ex-machina della storia, nei panni dello scienziato/fondatore/programmatore del parco; machiavellico e luciferino ( potrebbe rivaleggiare con il Pacino de L’Avvocato del Diavolo ), motore di tutto cio’ che avviene ( ribellione compresa? ). Jeffrey Wright ( alias Bernard Lowe ): programmatore/analista aiutante del Dott. Ford e degno erede del R Daneel Olivaw di Asimov ( appunto! È questo è uno spoiler gigantesco ! ). Thandie Newton ( la tenutaria del bordello/Saloon Maeve ) : la prima residente che capisce che c’è qualcosa che non quadra nella sua vita ( o vite ? ). Ed Harris ( senza nome per il 90% della serie….) : cattivissimo ospite con l’intento di scoprire il fine, il significato del parco stesso. James Marsden ( il cow-boy Teddy ) cavaliere con tante macchie ed un passato che cambia a piacimento dei programmatori ( inutile sottolineare che il nerd ha riconosciuto il Ciclope degli X-Men ). Ed infine Evan Rachel Wood ( Dolores ) che secondo i credits è la protagonista di questa serie. Ma il piu’ delle cose le capitano senza un suo proprio intervento. Nella miglior tradizione di donzella del West che deve la salvezza al cow-boy/cavaliere di turno .

Westworld - Dolores e Ted

Altro aspetto azzeccato di WestWorld è la narrazione. Alla fine della prima stagione, infatti, ci si accorge essere a 2 livelli temporali diversi ( tanto i residenti mica invecchiano… ) in un crescendo di colpi di scena. Molto interessanti anche le scene dove i residenti vengono psico-analizzati dai programmatori in una sorta di ipnosi. Gli androidi credono di essere in un sogno lucido, cosi’ non da non perdere la propria umanità, ma in contrasto con la loro nudità, seduti su piccoli e scomodi scranni, che li rende meno umani possibile.

 

Il mio Voto in attesa della seconda Stagione.

Concept iniziale: Voto 8

Trama: Voto 8

Interpreti : Voto 9

Confezione: Voto 9

 

Alla prossima.

Massimiliano Morari
Massimiliano Morari

Nerd appassionato. Colleziono FUMETTI di SuperEroi e FUMETTI legati al mondo si Star Wars. Colleziono anche Statue e Action Figures. Appassionato di Cinema con un predilezione per il genere SCI-FI ma non disdegno gli altri generi se il film è fatto bene e con grandi interpreti. Negli ultimi anni mi son fatto prendere anche io dalle SERIE TV che stanno diventando sempre piu' curate.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.